COMMANDO NEUROPATICO
Benvenuto, assettati e pigliati na cosa!!



 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  COMMANDO     NEUROPATICO    -     SITO UFFICIALECOMMANDO NEUROPATICO - SITO UFFICIALE  COMUNE   DI   SAN   CATALDOCOMUNE DI SAN CATALDO  CALCIOLANDIACALCIOLANDIA  Sancataldese calcioSancataldese calcio  

Condividi | 
 

 Detti e proverbi Sancataldesi !!!

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2010-08-26, 16:32

cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers

Abballari senza suonu

Abbuttati vecchia

Acqua davanti e stuppa n'culu

Agustu e rigustu è capu di mmienrnu .

Alliccari e sdilliccari iè capu di malannu

All’acqua ccu lu panaru .

All'annegatu petri d'incapu

A ligna senza corda

A lu piritaru cci vinni la tussi

Amara cu è sutta d'atru

Amara quannu sciddica lu pedi

Ammisca crapi e cavuli.

Ammazzatu quannu chiovi ccu ariu niettu .

Ascutari iè miegliu di parlari

Asini e picciliddi Diu l’aiuta

A Tiempu di sdilluviu tutti li strunza natano .

Avanti li ma dienti ca li ma parienti

Avanti oi l'uovu ca dumani la gaddina .

Aviri la lingua cchiù longa di un serpenti

Bedda robba c'aiu n'Francia e cca muoru di lu friddu

Cappiddazzu paga a tutti

Cavaddu gastimiatu cci luci lu pilu .

Cci ammanca lu juornu lu mangiari e la notti lu cummuogliu

C’è dari chiddi di coppella

C'è mmaccari li strauliddi

Cerca a bbilasi ccu li pisci

Chi fa la gnura Lidda ? Mbascia e spascia la piccilidda

Chhi nnicchi nnacchi .

Cchiu scuru di menzannotti nun po fari

Chiovi a banni a banni

Ci vuonnu 40 iorna p'azzizzari la massaria .

Cu allicca s'ardi

Cu arrobba nni fa una pinzata, cu è arrubbatu nni fa 100

Cu ava aviri cu ava dari tutti paci

Cu avi culu cunsidda

Cu avi dinari assà sempri cunta e cu iavi muglieri bieddri sempri canta

Cu cangia la vecchia ccu la nova, tutti li guai trova

Culu ca nun si ammisu a vraca sempri ca si caca

Ccu lu celu picurinu si nun chiovi la sira chiovi lu matinu

Cu un firticchiu setti casati

Cu mangia crisci, cu mori sprisci

Cu nenti iavi, nenti dici

Cu passa di bannò e nugnè arrubbatu, Mburna tardu nun c’è o iè malatu

Cu sceccu caccia e fimmini cridi, facci di paradisu nunni vidi .

Cu è minchia carnalivari o cu cci va appriessu?

Cu si curca ccu li gaddini agghiorna ccu li piddizzuna

Cu arridi di venniri chianci lu sabatu .

Cuomu lu sceccu di Ninu Marruni ca quannu si mparà a nun mangiari, murì

Cursa di lu puddritu


lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol!
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2010-10-11, 18:20

cherry farao cherry farao cherry farao cherry farao .......................................................................................................................
Cu sta spranza d'atru e la pignata minti va pp'arriminari e nun trova nenti

Cu voli a cristu si lu preia

Dici la mamma Rrocca si talia ccu l'uocchi e nun si tocca

E' cchiu babbu di la mmerda di li carrabbunera

Falla cuomu vuò è sempri cucuzza .

Fa lu minchia ppi nun pagari la dugana

Fanni quantu na cuda di gattu e dumani ti lu truovi fattu

Fa ridiri e fa rudiri .

Fari trasiri lu sceccu ppi la cuda

Farlu a tunnina d’uogliu

Fatti la fama e va curcati

Feti cuomu l'arsoliu .

Fici l’urtima quomu Pasquinu . .

Fuiri ugn'è brigogna

Furca ca t’infurca

Gasinu e mali turrena, amara cu cci ncaglia

Gaza lu mangiari nun gazari lu chiffari

Ha fattu lu spacca e lassa

Iavi lu cori niuru cuomu la pici

Innaru siccu massaru riccu quannu dicembri ci lassa lu lippu

La calunia cci fu e la morti vinni

La campana dici : dammi e dugnu

La cannilora la mmirnata iè menza fora, ma si nun meni l'annunziata la mmirnata u'gnè passata

La Canzuna la canta cu la sapi .

L’aciueddu intra la falla

L’acqua di ncelu sazia la terra

L’acqua fridda ci pari calla .

L'acqua sinni va ccu la pinnenza - l'amuri sinni va unnè la spranza

Ladia nfacci e ladia ncori

La fastuca ccu lu scornabbeccu

La furca ti ava scanzari la galera

La gaddina fa l’uovu e a lu gaddu cci doli lu culu

La lingua unnavi ossa, ma rumbi l’ossa

La meglia parola iè chidda ca nun si dici

La meglia acqua si la vivinu li puorci

La miseria di li poviri- la superbia di li Litizii e la prosopopea di li maunzisi..

La muntata è quantu la pinnina . .

L'arbiru picca e la rama ricivi .

La vutti china e la muglieri mbriaca

La robba sta ppi tri, cu la paga cu la strapaga e ccu si la mangia p’amuri

La quartara va all’acqua nzina ca si rumpi .

La robba di ribbi e rabbi sinni va a rabbi e ribbi

L'arraggiuni l'avi lu sceccu

La zita maiulina nun si godi la vistina

La terra a li contadini - la posta a li bboni - la chiesa a li cardiddi.

L'erba tinta un sicca mai

Livari senza mintiri nun po durari .

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara

Li grana di l’accucchiaturi, si li mangia lu scarafuni

Li munnizzara schiurieru e li iardina siccaru .

L’omu priviggenti nu fu mai poviru


jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2010-10-23, 10:10

jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor

Li sordi fannu sordi, piduocchi ncapu piduocchi

Lu celu lu ittà, la terra l’arricuglì

Lu cani di l’urtulanu nne mangia e mancu fa mangiari

Lu sabbatu si chiama allegracori, ppi ccu iavi beddi li muglieri, cu l'avi ladii ci
mori lu cori priannu ca lu sabbatu mai veni

L’omu ppi la parola, lu vo ppi li corna

Lu cannisciu si gavita quannu iè chinu

Lu diavulu di la campanedda

Lu gaddu ci dissi a li gaddini lu tiempu si piglia cuomu veni

Lu iuornu nun ni vuogliu la sira spardu l'uoglio

Lu poviru unn'aviva e limuosina facia

Lu primu è juocu, lu secunnu è luocu lu terzu è fuocu

Luongu cuomu lu misi di maiu

L'urtimu a sapirlu è sempri lu curnutu .

Lu suli affaccia, affaccia ppi tutti

Lu surci cci dissi a la nuci dammi tiempu ca ti spirtusu

Lu picca m’abbasta e l’assà m’assuperchia

Lu pisci di lu mari nun si sapi cu si l’ava a mangiari

Lu liettu è rosa si nun si dormi s’arriposa

Lu dicu a tia soggera, ppi sentilu to nora

Lu trivulu mpara a chianciri

Lu riccu è riccu pirchì dici abbonè, lu poviru è poviru pirchì dici nenti è

Lu saziu un cridi mai all'addiunu

Lu sceccu zzuoppu si godi la via

Lu sceccu porta la paglia e lu sceccu si la mangia

Lu sceccu nni fa una pinzata, lu patruni nni fa n'atra

Lu vicinu è serpenti, si nun ti vidi, ti senti

Lu vicinu è lu miegliu parenti

Lu viddanu p'unnaviri gustu cancià lu beccu ppi lu crastu


Mangia di lu to mangia e sierbitinni beni

Mangiari li guvita a mizicuna

Maritu tintu, maritu buonu, tinti cu unn'avi nne tintu ne buonu

Masciu d'uocchiu, masciu di finuocchiu

Mentri lu pedi camina lu cori sciala .

Mentri lu cani piscia la piecura sinni va

Miegliu intra nuda e assittata ca fora vistuta e assicutata

Miegliu scrusciu di catini ca scrusciu di campani

Miegliu aviri cchi fari ca aviri cchi malu diri

Miegliu cummattiri ccu 100 malandrini ca ccu unu babbu

Mi lassà mienzu l'acqua e l'arangi

Mi truvà mienzu li favi

Mintiri pupi a cavaddu .

Mintiti li curuzzu a funcia

Monachi e parrini, stoccacci li rini

Muriri e pagari urtimi cosi a fari

Na durmuta è meglia di na mangiata

Na zzappata è menza abbrivirata

Nnavi ntipatia quantu lu ntuossicu .

Nni la casa di Gesù, socchi trasi nun nesci cchiù

Nummoli ne metiri e mancu pisari

Nun si scanta mancu di li baddi

Nun zulu la bagascia ca ti nguaggiu e macari t'è teniri lu suonu

Nu mangia pi nun cacari

Nuttata persa e figlia fimmina


Ogni sbagliu è moda

Omu di vinu ogni tri vannu un carlinu

Pagari e muriri su l'urtimi cosi a fari

Panza e prisenza .

Passa quantu lu du a bastuni

Pattu primu e amicizia doppu

Pensa lu mali ca tinni veni beni

Petra di l’ariu

Persi lu sceccu e li garrubbi .

Persi lu sceccu e va circannu li rietini .

Pezzica ci cadi lu chinu

Piglia primu cuomu li buttani

Pigliari lu celu a pugna

Ppi l’amuri di lu figliolu, la mamma si mangia l’ovu

Putia e uortu stacci muortu .

Punciri lu sceccu ntre muntata

Quannu lu sceccu nun voli viviri, mancu ammazzatu

Quannu lu viecchiu stira lu pedi, la picciuottu pocu teni


sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny :
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-01-29, 17:54

affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid

Sona la mezzanotte e l'aria jè scura

e nù silenziu durmunu l'uccelli

Sona la mezzanotte ni sta cella

e mi sveglia lu scrusciu di la grada

A Diu du cilu abbi pietà di me

sugnu chiusu nna sta cella

e fazzu prighiera a te

All'altu di la turri fu incellatu

jntra na cella fridda e scura fu purtatu

e all'angulu d'i un muru fu attaccatu

Un'jornu all'impruvvisu fu chiamatu

e dinnanzi u dirittoriu fu purtatu

mi fissa negli occhi e mi dumanna:

Giovani bellu qual'è la vustra cunnanna?

"cha innoccentamenti fusti cunnannatu a vita???"

E io ci rispusi: Sciagurata fu la vita mia

Le pene che ossoffertu io

lu sa.... sulu la cella mia ..



N.B cantata da un ex .............prigioniero





lol! lol! lol! lol!
Torna in alto Andare in basso
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 39
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-01-30, 02:13

CU TECCHIA DI CARMA....
E TANTA VASELLINA.....
L'ELEFANTE...
CIA' MISI IN CULU A GADDRINA !!!!!!!!


Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-02-19, 11:03

sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny

LE LITANIE DEI NOSTRI AVI SANCATALDESI

Gesu mio la sepoltura, lu mi cori jè petra dura,
e rumpitilu Vui Signuri ccu lu vostru Santu Amuri

Cinqu chiaghi comu rosi Gesu Cristu accussi vosi
e muristivu in agonia ppi salvari l'arma mia

O Santissimu Crucifissu mi presentu innanzi a Vui
e lu sangu ca spargistivu,lu spargistivu ppi nui
simu figli piccatura, misiricordia Signuri.
O Santissimu Crucifissu li vostri grazi sunu spissu
sta Jurnata nun avi a passari ca mi aviti a cunsulari.
Ni jttamu a li vostri santi pedi ca li grazi li concedi
li concedi tutti l'uri morsi in cruci ppi lu nostu amuri.


Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-02-19, 11:21

sunny sunny sunny sunny sunny sunny sunny

All'Addulurata

O vi servu,o regina o matri Addilurata
ferita d'una spada assai tiranna
Si leggi e nun s'affanna di lu vidiri a Dio
l'amabile Maria è assai dolenti
Di poi nun si smovi a nenti la so pena guardannu
con voi considerannu, o madre pia
Chi pena in agonia, chi pena ca sintistivu
quannu a Gesù vidisti in cruci misu
Di tanti amari pianti di l'occhi ca virsastivu
quannu a Gesù vidisti agonizzanti
E lu mi cori è spissu è spissu contemplari
con voi vorrà penari, o gran Signura
Piangere vorria ognura, piangere li me peccati
giacchè la morti jè data a l'omo Dio
Tu piangi o cori mio, perchè ragione n'hai
e non cessari mai sino alla morti
di poi na bella sorti ca vulissi aviri
ncelu jri a gudiri in paradisu
La salve Regina jè ditta ca ncelu sarà scritta
nel cuore di Maria L'Addilurata

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-02-25, 16:59

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven

O fieri flagelli che al mio buon Signore
le carni squarcite con tanto dolore
Non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l'amato Gesù.

O spine crudeli che al mio buon Signore
la testa pungete con tanto dolor
Non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l'amato Gesù.

O chiodi spietati che al mio buon Signore
le mani passate con tanto dolor
Non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l'amato Gesù.

O lancia tiranna che al mio buon Signore
il fianco trafiggi con tanto dolor
Non date più pene al caro mio bene
non più tormentate l'amato Gesù.

Ferite, ferite, ferite quest'anima
ferite quest 'anima che causa ne fù.

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-02-25, 17:21

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven

Stava Maria dolenti senza respiro e voce
mentre pendeva in croce del mondo il Redendor.

E nel fatale istante del suo materno affetto
le trafiggeva il petto, le lacerava il cuor.

Vedere un figlio,un Dio, che palpita, che muore,
si barbaro dolore qual madre mai provo?

Alla funerea scena che tiene il pianto in freno
il cuor si stringe in seno e in cuore in sè non ha.

Chi può mirare in tanta pena una madre,un
figlio, e non bagnare il ciglio e non sentir pietà

Per cancellare i falli di un popol empio ingrato
vide Gesù piagato languire e spasimar,

Vide sul monte invano il figlio suo diletto
chinar la fronte al petto e l'anima spirar.

O dolce madre pura, fonte di tanto ardore
parte del tuo dolor fa che mi scenda al cuor.

Le barbare ferite prezzo del mio diletto
del figlio tuo trafitto, passino o Madre in me.

teco si stringe in lacrime quest' anima gemente,
essa non fu innocente, tenga il suo fallo almen.


Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-03-04, 16:31

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven

Ti salutu o croce santa
cca purtasti u redentor
gloria e lode onor si canta
ogni lingua e ogni cuor
Sei vessillu gloriosu di cristu
si la salvezza di un popolu fedel
grondi di sangu innoccenti di cristu
cca ti volliru martiriu crudel
Tu cca nascisti di bracci amurusi
d'i la vergini madre Gesù
tu muristi tra bracci pietusi
d'una cruci ca data ti fù
O agnellu divinu immolato
sull'altar della cruci pietà
Tu ca togli da u munnu i peccati
sarva l'omo cca pace unn'avi
Del giudiziu nel giorno tremento
sulle nubi d'u cilu verrai
piangerannu la genti vidinnu
qual trfeo di gloria sarai.

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-03-10, 16:41

Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven

ORAZIONE A GESU SACRAMENTATO

Di Gesù sacramentato
questo cuore innammorato
sono stati i miei peccati,
Gesù mio perdon pietà
O mio Dio che prigioniero
stai in prigione abbandonato
Stai per noi per farti amare
consolato amor sincero.
Gesù mio perdon pietà
Tu potevi rimanere
col Divino tuo gran Padre
per venire a noi vicino
lasci il cielo i sacri sguardi,
Tu ti avanzi al mondo solo,
Tu scendesti da una croce
quante volte resti solo
con la lampada non accesa
Ti contenti per amore
sotto chiave imprigionato
in custodia stai serrato
come servo peccatore.
Questo poco mio tesoro
stai in prigione abbandonato
dentro un'arca benchè d'oro
stai qual morto sotterrato
benche re di tutti i cieli.
Che potevi far di più
Gesù mio per farti amare?
O catena bella e cara
prigioniero mio Gesù
Brami al fin che s'innammori
di te ognuno al suo petto
corri e trovi il suo diletto
nascondendo il suo splendore
Anima mia perchè non ami
questo dio che ti ama tanto?
Anima mia perchè non brami
questo cibo sacrosanto?
Nota in cielo in terra inferno
ti protesto ora in eterno.
Di Gesù sacramentato
questo cuore innammorato..


Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-09-23, 17:37

affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid


Lu tamburu nta lu cielu
era tempu chi trunava,
era scrittu nto Vangelu
chi la morti ormai arrivava

cu la vesti comu ventu,
un diluviu supra 'i casi,
na culata di cementu
comu fauci chi trasi,

tagghia ciumi, li muntagni,
li paisi senza luci,
niri favuci di fanghi,
un Calvariu senza cruci,

senza strati e ferruvia,
sbalancati tutti 'i porti,
a cavaddu in ogni via
lu triunfu di la morti.

lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol!
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-09-23, 17:39

alien alien alien alien alien alien .


Era tempu chi batrteva
ddu tamburu dintra 'a testa
e lu populu sapeva
chi vicina era la festa,

chi si supra la buscagghia
un incendiu c'è ogni sira
quannu chiovi 'a terra squagghia
comu focu cu la cira;

chi a fiumara non pirduna
li licenzi d'u Cumuni
e s'incontea 'i palazzuna
si li mancia c'un buccuni.

Lu Calvariu era privistu,
a scavari sunnu pronti,
manca sulu quarchi Cristu
pi pinsari sulu 'o ponti.


bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-09-23, 17:41

affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid

Nenti acqua e ditirsivu
nta lu secchiu oggi ci misi,
sulu sangu russu vivu
pi lavari stu Paisi.

'N terra jttata resta muta
cu sò figghiu chi si squagghia,
dormi 'a vecchia e non ascuta
'nzoccu abbrucia sutta 'a pagghia.

Un abbortu pi l'abbili,
'na nuttata supra 'a panza,
ntra li cosci lu vacili,
clandistina nta na stanza

sunny sunny sunny sunny sunny sunny
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-09-23, 17:52

alien alien alien alien alien alien alien alien

Non dormi e si scantau
d'u "pacchettu sicurizza"
unni 'a liggi si 'mmiscau
cu l'infamia e l'ingiustizia,

quannu spinci a li maistri
e ai dutturi a dinunciari
li straneri senza visti,
chi si scantanu a campari.

Li badanti non su' donni,
clandistini porti porti,
e li medici culonni
d'u Guvernu di la Morti

cheers cheers cheers cheers cheers cheers
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-09-29, 17:03

affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid


“Lu matrimonio “

Amici s’ascutati lu me cuntari, del matrimoniu du cumpari vogliu parlari,

era di maggiu e tinia caluri e si spusai cu tantu amuri,

‘na signurina graziusa e bedda ch’era lucenti comu ‘na stidda.

E quannu si spusai, in casa mia, ficimu fistinu in allegria.

Manciari e viviri pi li ‘mmitati, tutti cuntenti l’abbiamo lasciati,

ci dissi a idda cu tantu affettu: - amuri guarda la stanza di lettu.

E quannu furonu suli ‘nti la stanzetta si livau li ‘nguanti e la giacchetta;

ci dissi: - cara lesta a spugliariti, nun vidu l’ura d’abbrazzariti;

idda mi dissi: - timida sugnu, spegni la luci ca mi vergugnu.

P’accuntintalla la luci astutai, ma quannu l’addumai, matri chi guai !

E ci ristai quasi ‘ntrunatu, bustu e panzera s’avia livatu,

poi la parrucca si la sfilava, ‘nto comodinu la cunsirvava.

E mi strammaru puru li sintimenti, quannu ci vitti iu livari li denti.

Si fuma la pipa, si vivi lu vinu, si strica lu nasu ‘nta lu cuscinu

e si ci fazzu un’osservazioni, mi dici: - zittuti gran mascarzoni !

Ma ormai è me muglieri, nun c’è chi fari,

ladia, brutta, ma…....................mi l’ha tiniri.


Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question Question

Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-10-20, 16:18

lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol! lol!


Cantata dal cantastorie Sancataldese Paolo Garofalo
E
ripetutamente cantata da “Taniddu ù blo

Sicilia scusa st'urtima cantata
mentri tu crepi sutta a lu folklori,
sutta muntagni 'i carta patinata,
sutta la mafia di li to' assessori.
Cu la me vuci tu non canci strata,
ca cu ti sbafa non havi lu cori.
Sicilia lu mé chiantu friscu e puru
a tia lu versu chi non hai futuru.

Supra di tia lu cielu è scuru scuru
di corvi accafuddatu e li rapaci
a morti ti lu sonanu 'u tamburu
mentri di tia si mustranu siguaci,
li carni ti li mancianu a spergiuru
friddi, a granfati, senza focu e braci.
Basta cu sti metafuri e allusioni:
ECCU LA MAFIA DI LA TRADIZIONI.

Non sunnu coschi, no, su' ASSOCIAZIONI
DI LA CULTURA ditti 'o capizzali
di li Cumuni, Pruvinci e Reggioni
e sucanu li minni cchiù vitali.
Parchi, istituti, musei, fondazioni
li feudi d'oggi su' d'u capitali
e in nomu di lu studiu gran parati
fannu 'i carretti, cannola e cassati.

E i pupi? Ecculi ccà, non vi scantati,
li veri paladini d'u teatrinu:
i CANTAUTORI, li fausi strazzati
cu la bandana 'n testa e lu cudinu,
'N ARICCHIA A LU PADRINU STA APPIZZATA,
NTA L'AVUTRA CI LUCI L'ORICCHINU.
VUCI E CHITARRI CI L'HANNU VACANTI:
"NON TI CURAR DI LORO E PASSA AVANTI!"

Iddi si spaccianu pi rapprisintanti
di la Sicilia vera popolari,
figghi d'u Vespru sunnu e li mandanti
a tutti 'i banni li fannu cantari,
dintra li scoli, tiatri 'mpurtanti,
a li turisti ci fannu i giullari.
Miliuna si nn'ammuccanu cu amuri
cantannucci a gran vuci Ciuri ciuri.

Ma c'è cu pensa ca su' tradituri
quannu decantanu st'Isula filici
senza la mafia, 'u pizzu e li turturi,
senza precari, incendi e nemici,
non ci su' scempi e non ci su' sciaguri
ma sulu u suli, u mari e li radici.
DI CANTASTORI VISTUTI MACARI
T'INFANGANU SICILIA, PARI PARI.

Sunnu li menestrelli di l'artari
di lu folklori e di lu patrimoniu
chi la Reggioni voli tutilari
scinnennu a patti puru c'u dimoniu.
Cunvegni ed abbuffati pupulari,
fistini comu fussi un matromoniu.
SICILIA TU SI' MJEVUSA SCHIACCIATA
NTA 'NA VASTEDDA SCHIETTA E MARITATA.

Canta la mafia di la pignulata,
d'a pasta cu li sardi e u piscistoccu,
di li panelli e di la capunata,
di sfinci e buccuneddi cu lu coccu,
la mafia duci comu ciucculata,
comu lu Neru d'Avula baroccu.
LA MAFIA ORA FICI UNA MAGIA
E LA CHIAMAU ENOGASTRONOMIA!

Però pi fissa non mi piagghiaru a mia
cu st'invenzione della tradizione,
la mé puisia non havi etnia
e a li mafiusi cala i pantaloni.
A MIA MI PIACI L'ANTROPOLOGIA
SENZA ORECCHINI E SENZA PATRIMONI;
LI CANTASTORI CHI CANTANU 'N CHIAZZA
L'INTRIGHI CCHIU' SCHIFUSI DI STA RAZZA.

Mentri si pigghia 'u suli nta tirrazza
d'u Granni Hotel cumprisu nta l'ingaggiu,
la mafia d'u folklori ddà ci sguazza,
c'u na granita fa l'idrumassaggiu.
Iu inveci ora mettu la curazza,
non cantu cchiù ma lassu stu missaggiu:
LA TRADIZIONI 'A MAFIA L'HA PINSATA
PI TENIRI 'A SICILIA 'NCATINATA!

Sicilia scusa st'ultima cantata
mentri tu crepi sutta lu folklori,
sutta muntagni 'i carta patinata,
sutta la mafia di li tò assessori.
Cu la mé vuci tu non canci strata
ca cu ti sbafa non havi lu cori.
SICILIA LU ME' CHIANTU FRISCU E PURU
A TIA LU VERSU CHI NON HAI FUTURU.



Spero di non aver sbagliato e v'invito a riflettere


bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce bounce
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-10-20, 16:45

cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers


Soggira e nora ma chi minghia cci nesci fora


Mi maritavu e ‘ngalera mi sentu, chi mala soggira ca accapitavu,
ci avissi fattu quarchi tradimentu, o puramenti ci avissi dittu no.

Donna ‘ngrasciata, donna scilarata, mi lu scurciasti sta gioia di figliu,
mi lu scurciasti comu un cunigliu, ora cu mia nun ccià parlari cchiù.
E grattatilla cu la grattalora, chidda ca avi Mondina misa fora
e grattatilla cu la grattalora, quantu lu mali ti nesci pi fora.


Magara siti e magarii faciti, quannu muriti a lu ‘nfernu vi ‘nni iti,
quannu muriti a lu ‘nfernu vi ‘nni iti, e dopu morta magarii faciti.
Nun mi lamentu no di vostru figliu, ca vostru figliu è omu di travagliu,
ma vui siti ‘na donna di curtigliu e ‘mmucca cciatà mettiri un stuppagliu.

Donna ‘ngrasciata
Lassa ca veni stasira me figliu, ci l’ha cuntari tutta la passata,
ci l’ha cuntari tutta la ragiuni, t’ha fari dari lignati c’un vastuni.

geek jocolor geek jocolor geek jocolor geek jocolor
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-11-22, 11:43

affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid

La monica dispirata

Sula sula ''ntra stu lettu
li nuttati aju a passari:
nuddu giuvini a stu petto
a mia tocca d''abbrazzari.

Sticchio miu rispittuseddu;
senza minchia ca ti strigghia!
sulu sulu un iditeddu
ca li labbra ti cattigghia;

ppi tia certu cci vurria
un battagghiu di campana,
ca la forma pigghiassi
di na grossa minchia umana.

si pulito e graziusu,
nudda lingua mai t''allicca
nuddu cazzo impituusu
d''intra a tia mai si cc''inficca.

Quanti fimmini a stu munnu
cci su'' stati e ci sarannu,
ca minchiati ''ntra lu funnu
nn''annu avuto e n''avirannu.

Ed iu sula ventu abbrazzu,
si mi votu e mi stinnicchiu,
mai non trovu nuddu cazzu
pri ficcallu ''ntra stu sticchiu:

cci nni sunni ''ntra quarteri
grossi minchi di surdati
ca ''ntra d''iddi lu darreri
si lu pigghiunu arraggiati.

''Ntra cunventi cci nni sunnu
beddi minchi rancitusi,
non avennu nuddu cunnu
si li minano oziusi:

''ntra campagni, rocci e margi,
cci su'' certi viddanuni,
ch''ànnu minchi ccu li jargi
peju assai di li stadduni.

E tu, stichhiu, li disii,
comu l''erba a marzu pioggia;
svinturatu lacrimii,
non c''è cazzu ca t''alloggia.

Minchia mia de stu miu cori,
''nzuccarata minchia mia!
stu me cori spinna e mori,
suffrirà senza di tia.

Fusti fatta ''ntra lu munnu
di na provvida natura,
pri ficcarti ''ntra lu funnu
d''ogni nata criatura.

Quali fimmina po'' stari
senza sticchiu arriminatu?
Non è nenti lu mangiari,
ppi cui futtiri ha gustatu.



affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-11-22, 11:54


jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor jocolor

setti fimmini e un tari' -
.
o mamma ti vugliu raccuntari chista storia
la storia di na canzuna senza testa e senza cuda
ti chidu pi favuri di stari attenta e nun parlari
se no pirdu lu fili e pua mi puzzu 'mpidugliari
o mamma mia ti prigu nun mi battiri li mai

-lu tari' e' preputenti, setti fimmini e lu serpenti

lu serpenti avi la cuda, setti fimmini e na mula

-e la mula jetta canci, sette fimmini e na fanci

e la fanci avi lu pizzu, setti fimmini e lu marbizzu

-e lu marbizzu avi l'ali, setti fimmini e un canali

e lu canali jetta l'acqua, setti fimmini e na vacca

-e la vacca avi li corna, setti fimmini e na donna

e la donna voli ballari, ncapu la vara di matru natali

-e la donna voli ballari ncapu la vara di mastru natali

albino jocolor albino jocolor albino jocolor
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-12-12, 16:27

affraid affraid affraid affraid affraid

:Siti chiù bianca assai e di la ricotta

E 'ntra lu mezzu muddicusa tutta.

Siti comu 'na ficu burgisotta;

Veni lu ventu e v'annacati tutta.

Ma viri ch'è 'mportuna a sta picciotta:

Ci dicu 'un ammuttari er idda ammutta!

Veni lu tempu ca sintiti la botta

Ca ieu scoppu 'ncapu e idda sutta

star: Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-12-12, 16:38

sunny sunny sunny sunny sunny sunny : sunny
santa santa santa santa santa santa santa

Si a soccu penza, già pinzatu avissi
A soccu penza cchiù nun pinzirissi

Penza la cosa prima chi la fai
penzala bona,e nun ti pintirai
picchì la cosa fatta e già pinzata
sitenza è passata ‘ngiudicata

Lu pintimentu roppu cchiù nun servi
colluri accattati sunnu fari nervi
si è la pracchiarata cumminata
nun servi certu a nenti a ripinzata

lolo la mamma , nòbbili pirsuna
ora pigghia li petri a muzzicuna
la testa l’havi china ri pinzeri
picchì persi la stima d’’a mugghieri

L’avia pigghiatu certu a la liggera
‘na scappateddra cu la cammarera
tuttu c’accuminciau quasi pi ghiocu
ma roppu la binzina pigghiau focu

’Stu focu, tuttu focu di ‘n’arcanu
pigghiau prima li peri e poi li manu
attruvau lolo lu tirrenu moddru
e ora ri rintra ccè finu a lu coddru.

Prinizzi e amanti ‘un si ponnu ammucciari
‘st’arcanu si jiu prestu a palisari
lu vinni a scummigghiari la muggheri
e foru ‘rattacapi e ‘ran pinzeri

’I corna sunnu corna ‘un sunnu peni
e spissu cu’ è chi l’havi nun li teni
la mogghi ‘i corna prestu sbarazzau
cugnintura cci vinni e s’’a pigghiau

Cu li pinzeri cci crisceru ‘i corna
‘u cuntu fattu, capita ch’un torna
certi cosi ‘un si fannu a la liggera
mancu si cc’è di ‘mmezzu a cammarera

Cu’ l’havi l’occasioni e ‘un si nni servi
’un trova cunfissuri chi l’assorvi
ma si si servi e veni scummigghiatu
d’ ’u cunfissuri veni scunfissatu

La testa si la sbatti ora pi mura
voli ricunciliarsi c’’a signura
chi havi,ormai, la testa sbindatizza;
iddru cci truzza ma a iddra nun cc’attizza

Viriti chi famigghia cunsumata
pi ‘na cosa chi fu mala pinzata
lolo è dichinutu, ‘a mogghi vispa
e si vinneru lu taulatu e ‘i trispa

Oramai è firita ‘mpustimata
cci vulissi ‘na bbona miricata
ma roppu chi si perdi la firucia
cchiossai si disinfetta, cchiossai abbrucia

Allura nun cc’arresta chi pinzari
ch’era megghiu nun farla ‘mpustimari,
si a soccu penza, già pinzatu avissi
a soccu penza, cchiù nun pinzirissi.


affraid: affraid affraid affraid affraid

santa santa santa santa santa santa
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-12-13, 16:06

:santa santa santa santa santa santa

Dicci Buttana a cu Buttana ti dici!

Soggira e nora già ‘n celu sciarriati
misi ’mmezzu li diavuli ammiscati
scinneru ‘n terra cu l’arma ‘nn’i denti
p’attruvarisi poi stritti parenti

E li parenti comu tutti sannu
cchiù stritti sunnu cchiù mali ti fannu
comu li scarpi ni lu caminari
anchi si chisti si punnu allargari

Li parenti nun si punnu canciari
si sunnu lordi, ‘un si punnu lavari
ed è pi chissu chi stritti si tennu
e bboni o tinti su chiddri ca vennu

Betta Cuffara un angiuliddru ‘un era
so soggira ‘na ‘granni spallittera
diavuli eranu ‘n celu rinomati
‘n ’terra du’ strafalari strati strati

Pronta cc’era p’un piritu la sciarra
davveru eranu donni di rimarra
la lingua pronta pi sputari feli
e vuci spinti, a li settimi celi

Cu’ prima dava, lu facia badannu
cu’ arrispunnia, facia maggiuri dannu
sti mali lingui usati comu spati:
l’avissiru ‘sti donni fiddruliati!-

’’Poviru figghiu’’, ‘a soggira dicìa ,
”comu supporta ssa ‘gran tinturìa
megghiu schettu chi malu maritatu”
-mancu servi, pi stommacu quariatu!-

’’Chi dici? Vecchia stolita e purrita
Parlari aviva mentri ch’era zita?
Avissi fattu, a corpu, ‘a cuntrananza
e ti l’avissi tu quariatu ‘a panza’’

’’Quann’eri zita , ‘i cosi jvanu lisci
di maritata m’hai trattatu a pisci
peggiu da morti, un figghiu m’hai arrubbatu
e tuttu ‘u stentu miu, stentu appizzatu’’.

’’Certu p’’u scantu di ‘ncuntrari latri
s’avìa a stari ‘ntra li cosci di sò matri
e accussì ssu bacuccu patintatu
a nuddra donna avissi mai spusatu’’

’’Bacuccu a mè figghiu tu cci dici?
davanti â matri chi cu stentu ‘u fici?
Allura si ‘na figghia ti schifia
pi chissu ti l’hai a vidiri cu mia’’

‘Sti discursi di veri vaniggiara
seguitu ebbiru e cci dissi una: ’’Mara’’.
L’altra, poi, pi nun sentisi di menu:
’’ti meriti la morti sutta un trenu’’

Continuaru a linguiari e cu chiù tonu
pi picca cc’ammanca puru lu sonu
la soggira cci dissi strafalaria
porca, buttana e ‘u bancu jtto nall’aria

’’Vecchia bagascia, chi pigghiasti prima?
jò nun vosi parlari cu ssa rima
pi lu cuntegnu miu tantu civili
oltri ‘un ti dissi chi fimmina vili’’

Cu’ pigghia prima certamenti ‘un sbagghia
anchi si ‘u focu è, focu di pagghia
Cafuddra allura e un diri :Soccu fici?
-dicci buttana a cu buttana ti dici.-

: santa santa santa santa santa santa santa
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-12-14, 14:59

santa santa santa santa santa santa santa

Schetta nun t’appi, maritata t’appi…

La giuvintu mia si nni jiu squadata
sulu ‘u ricordu di qualchi taliata
o pi dirla in manera assai eleganti
l’occhi sempi chini e ‘i manu vacanti

Filippa bedda quannu t’annacavi
cchiù ti taliava e cchiù mi sudisfavi
sintìa lu jauru di donna matura
partiva ‘a testa, scinnivanu li sudura

Ora chi si cu mia nun mi scappi
di schetta ti vulia ma poi nun t’appi
ma lu vuliri mio finiù a schifiu
arrivau Niculinu e mi futti

Jò persi tempu e nun mi dichiarai
Niculinu nisci e trasì virzi
tu t’’a spassavi a farti munciuliari
e comu un fissa jò stava a taliari

E certamenti, nuddu ti schifiava
appena chi ogni zitu ti lassava
pur s’è notorietà, ch’’a zita lassata
s’un nn’è tuccata è certu vaviata

Pizzichi e vasi nun fannu pirtusa
e mancu sunnu cosa camurriusa
sunnu ‘i spiticchi di lu veru amuri
su, di lu fruttu, li chiù beddi juri

Jò spirava chi ‘nna stu trasi e nesci,
ma chiddu chi si spira ‘un arrinesci,
chi s’avissi truvatu ‘a cugnintura
p’aviri l’occasioni d’’a ‘ natura

Ninu s’accuffulau e chiù ‘un si mossi
però prestu cci foru sciarri ‘ grossi
tò patri era cuntrariu a ‘sta zitanza
ma prestu prestu ti unciau la panza

Signu chi nun cci fu sulu ‘a vasata
e mancu causa fu la pizzicata
cci fu lu dannu e poi lu dannu fattu
lu patri preti lu sancì cu l’attu

Lu jornu chi ti jisti a maritari
‘un m’arristau cchiù nenti ri spirari
pi mia fu un funirali cu la missa,
mi turmintai p’un ura comu un fissa

‘N casa turnatu quasi rispiratu
mi sintia comu un cani vastuniatu
Filippa mia, oramai ch’eri pirduta
la vita procedìa tantu sbannuta

Poi, quannu si dici lu distinu
di morti disgraziata morsi Ninu
allura riturna la fiamma ‘n cori
e ‘n menti ripitia : “tintu cu’ mori”

Certu, la cosa, mi l’appi a pinzari
chissi su cosi chi vonnu quagliari
picchì s’’a donna zzita è vaviata
va cerca com’è chidda maritata!

Nun persi tempu a sciogliri ‘st’arcanu
vinni e t’addumannai subbitu a manu
poi cu la manu mi dasti lu restu
e fu accussì cha t’appi prestu prestu

Filippa mia oramai cchiù nun mi scappi
di schetta ti vulia ma poi nun t’appi
di schetta nò, ma maritata t’appi
basta chi t’appi e comu t’appi t’appi.

santa santa santa santa santa santa
Torna in alto Andare in basso
GIGGI MACELLO
PICCIOTTO
PICCIOTTO


Numero di messaggi : 140
Età : 49
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 25.02.09

MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   2011-12-14, 15:31

santa santa : santa santa santa santa santa santa
:
La parola porta pisu
Lu piritu porta surrisu

‘A paruledda menu porta ‘a paci
la verita la dichiara chi nun taci
e ‘nna li discussioni cu l’amici
megliu parola è chidda ch‘un si dici

‘Sta liggi è ‘na liggi universali
‘m mucca s’’un cci su pila cc’è lu sali
la lingua s’è licchetta rumpi l’ossa
e pò purtari l’omu ‘nna la fossa.

Lu parlari scuppanti crea cuntrastu
fa torciri li corna puru a lu crastu
parola mala ditta porta pisu
e causa sciarri puru ‘n Paraddisu

E l’amicizia, puru a cchiù pruvata
veni ‘ntaccata d’’a mala parlata
picchì la cosa didda cu l’arruganza
fa torciri vudedda ne la panza

Penza la cosa e penza a comu ‘a dici
poi s’’un la dici, Diu ti binidici
ni sugnu ben d’accordu, nun discutu
la parola ch’un pisa ‘a dici ‘u mutu.

Com’è chi pò campari in alligria
la genti quannu è in cumpagnia
si la parola porta a li turilli
e ‘a lingua pungi peggiu di li spilli?

Basta fari un piritu a capistru
pi diri l’aiutanti e lu maistru
cancia la cira, ‘nna la cumpagnia
quarcunu ridi e l’autru scaccania

L’arti di piritiari tutti ‘a sannu
pi chissu si scurreggia tuttu l’annu
pò farsi ‘n cumpagnia e macari a sulu
basta usari la trumma di lu culu

Cc’è ‘na varianti ch’è di veru spassu
‘mmeci di trumma pari un contrabbassu
e quannu si cimenta ‘a za Ninetta
la varianti è chidda da trummetta

Cci n’è cu scrusciu semplici e allungatu
ca pari di sciampagnu ch’è sbindatu
lu populu l’ascunta tutti lietu
a cundizioni chi nun fannu fetu

È ‘na cosa chi porta assai alligria
specialmenti s’è fatta ‘n cumpagnia
e cc’è cu’ è cha sciala strati strati
facennu li so pirita ‘ncucchiati

Puru San Petru ‘nna lu Paraddisu
nesci fora e si leva ssu ‘gran pisu
si sforza tanticchia, cci nesci stintatu
l’effettu pari ch’ avi truniatu

Poi p’’u sforzu, cc’allenta la carina
pari chi chiovi, è Petru ch’ orina
lu populu di ‘st’acqua assammaratu
ringrazzia a Diu e a Petru chi ha pisciatu.

Fa ‘granni festa, si metti alligria
vivi, s’abbuffa, e l’ acqua ‘un addisìa
affuncia ‘nna cannata e ‘nno vintinu
varianti prova di lu bombardinu

Me nannu, immeci, s’’a virìa di bruttu
Attrantava e si sfurzava tuttu
poi cci vinia puru lu rovesciu
sbraitannu ripitia:“nun c’arrinesciu!”

dicemu chi cu’ parla è malvistu
cu’ piritìa è misu a primu postu
la parola da sempi porta pisu
mentri ‘u piritu porta lu surrisu.


santa santa santa santa santa santa santa
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Detti e proverbi Sancataldesi !!!   

Torna in alto Andare in basso
 
Detti e proverbi Sancataldesi !!!
Torna in alto 
Pagina 6 di 8Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» Corda sottile
» MODI DI DIRE BARESI

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
COMMANDO NEUROPATICO :: CITTA' DI SAN CATALDO :: PROVERBI SICULI-
Vai verso: