COMMANDO NEUROPATICO
Benvenuto, assettati e pigliati na cosa!!



 
IndiceIndice  RegistratiRegistrati  Accedi  COMMANDO     NEUROPATICO    -     SITO UFFICIALECOMMANDO NEUROPATICO - SITO UFFICIALE  COMUNE   DI   SAN   CATALDOCOMUNE DI SAN CATALDO  CALCIOLANDIACALCIOLANDIA  Sancataldese calcioSancataldese calcio  
Ultimi argomenti
Argomenti simili
CANALE UFFICIALE - clicca e trasi!!
Statistiche

Condividere | 
 

 CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 38
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-17, 10:42

Eccellenza: Shock deferite per illecito sportivo Ribera e Monreale, campionato riaperto?

Sabato 17 Marzo 2012 08:40

Il tutto secondo la presunta combine fra Brucculeri e Romeo



Colpo di scena alla vigilia della 26^ giornata si riapre il campionato del girone A di Eccellenza di calcio, il perché è da quanto si è appreso da fonti agrigentine che il Procuratore Federale vicario Alfredo Mensitieri, inviando gli atti alla commissione regionale di giustizia, ha disposto il deferimento dell’allenatore Salvatore Brucculeri, del calciatore Salvatore Romeo e delle società Ribera Calcio 1954 e Audace Città di Monreale.

Il perché si è dato seguito a quanto trasmesso dal procuratore Stefano Palazzi che aveva inviato il deferimento alla Corte Federale della Figc, in relazione al presunto illecito sportivo relativo alla gara del 23 ottobre scorso, dove secondo quanto riportato, l'allenatore del Ribera aveva contattato il calciatore in forza ala compagine palermitana, affinché si impegnasse poco o facesse in modo di non esserci in campo per quella gara, poi denunciato dal vice presidente del Monreale Giuseppe Rosano.

Ora si ritorna ad avere un campionato "sub judge", che sicuramente avrà strascichi di fine estate a colpi di carta bollata, il perché è semplice o difficile a dirsi.

Il perché è anche nel momento in cui sta versando il calcio moderno e la linea dura che sta imponendo un organismo elefantiaco come la FIGC nei confronti di questo fenomeno, che è diretta verso linasprimento delle pene per le scommesse e l'illecito sportivo, e soprattutto tolleranza zero contro l'omertà, ovvero i casi di omessa denuncia, con un aumento delle sanzioni, infatti è stato inasprito anche Codice di Comportamento Sportivo, con le modifiche approvate dal Coni lo scorso 2 febbraio, dove a seguito dell'ultimo scandalo del calcio scommesse si è ben sottolineato ed evidenziato l'importanza dell'articolo 3 (Divieto di alterazione dei risultati sportivi) e dell'articolo 12 (Dovere di collaborazione).

Noi ci asteniamo a dare giudizi, ma leggendo le carte federali il Ribera rischia la retrocessione in Promozione, l'Audace Monreale una forte penalizzazione, Brucculeri e Romeo una forte ammenda una squalifica fino a 3 anni.

Secondo l'articolo 7 del Codice di Giustizia Sportiva, che disciplina illecito sportivo e obbligo di denunzia, reato che si configura secondo il comma 1 con il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo.

Se è appurata la diretta responsabilità delle due società in base all'art. 4 (Responsabilità delle società), il fatto è punito, a seconda della sua gravità, con le sanzioni di cui alle lettere h), i), l) dell’art. 18, comma 1.

Ovvero secondo la fredda lettura del codice il Ribera rischia (h) retrocessione all'ultimo posto in classifica del campionato di competenza o di qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria; in base al principio della afflittività della sanzione, la retrocessione all’ultimo posto comporta sempre il passaggio alla categoria inferiore; (i) esclusione dal campionato di competenza o da qualsiasi altra competizione agonistica obbligatoria, con assegnazione da parte del Consiglio federale ad uno dei campionati di categoria inferiore (l) non assegnazione o revoca dell'assegnazione del titolo di campione d'Italia o di vincente del campionato, del girone di competenza o di competizione ufficiale.

E non è finita qui perché ecco cosa rischiano Brucculeri e Romeo "i soggetti riconosciuti responsabili di illecito sportivo, sono puniti con una sanzione non inferiore all'inibizione o alla squalifica per un periodo minimo di tre anni e con l’ammenda non inferiore ad euro 50.000,00, con l'aggravante che in caso di pluralità di illeciti ovvero se lo svolgimento o il risultato della gara è stato alterato oppure se il vantaggio in classifica è stato conseguito, le sanzioni sono aggravate".

Invece l'Audace dovrebbe essere deferito secondo l'articolo art. 1 del Codice, commi 1 "Le società, i dirigenti, gli atleti, i tecnici, gli ufficiali di gara e ogni altro soggetto che svolge attività di carattere agonistico, tecnico, organizzativo, decisionale o comunque rilevante per l’ordinamento federale, sono tenuti all'osservanza delle norme e degli atti federali e devono comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva", comma 5 "Sono tenuti alla osservanza delle norme contenute nel presente Codice e delle norme statutarie e federali anche i soci e non soci cui è riconducibile, direttamente o indirettamente, il controllo delle società stesse, nonché coloro che svolgono qualsiasi attività all’interno o nell’interesse di una società o comunque rilevante per l’ordinamento federale", mentre art.7 comma 7 perché "Chiunque e comunque abbiano avuto rapporti con società o persone che abbiano posto o stiano per porre in essere taluno degli atti indicati ai commi precedenti ovvero che siano venuti a conoscenza in qualunque modo che società o persone abbiano posto o stiano per porre in essere taluno di detti atti, hanno l’obbligo di informarne, senza indugio, la Procura federale della FIGC" . Comma 8 "Il mancato adempimento dell’obbligo di cui al comma 7, comporta per i soggetti di cui all’art. 1, commi 1 e 5 la sanzione della inibizione o della squalifica non inferiore a 6 mesi e dell’ammenda non inferiore ad euro 30.000,00.

Si attende la lettura del comunicato ufficiale e le reazioni dei diretti interessati, nsomma una bella gratta da pelare con la speranza che sia risolta prima della fine del campionato, pero' ripetiamo noi ci asteniamo a dare giudizi, ma è giusto che chi ha sbagliato ne paghi le conseguenze.

Fonte: www.sportdelgolfo.com
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-18, 12:02

Illecito Audace-Ribera 2: Il comunicato del Ribera

Sabato 17 Marzo 2012 14:32

Le parole del Dg Ruvolo

Ecco il comunicato stampa del Ribera Calcio 1954 relativo al presunto deferimento per illecito sportivo dell'allenatore Totò Brucculeri e della società agrigentina. "L´A.S.D.P.Ribera1954, in merito agli articoli pubblicati sui siti web inerenti il deferimento della Procura Federale del Mister Brucculeri e della nostra società, precisa quanto segue: l´inchiesta della Procura Federale non è ancora conclusa anche perché ha demandato tutto alla Commissione Disciplinare della F.I.G.C. di Palermo.

A chi già ci dà per retrocessi, noi diciamo che è tutto falso; infatti la Commissione Disciplinare dovrà fare ulteriori accertamenti e poi facciamo una riflessione: come mai sono stati deferiti anche Romeo e la società Audace Monreale? Vuol dire che anche loro sono colpevoli e che anche loro come noi, saranno retrocessi.

Si possono pensare tante cose ma noi crediamo nella Giustizia Sportiva anche perché le sanzioni da comminare sono tante e vanno da una semplice ammonizione, ad una ammenda, alla penalizzazione ed nella peggiore delle ipotesi alla retrocessione. In ogni caso nessuno e diciamo nessuno, ci può togliere la grande soddisfazione di avere "ucciso il campionato", in quanto la nostra squadra, ha vinto le partite in campo e meritatamente. Ad altri diciamo, il campionato si vince in campo e non i condizionamenti psicologici di cui noi ingiustamente siamo accusati.

Il D.G. Ruvolo a nome di tutta la società, rivolgendosi in particolare ai nostri tifosi, precisa, che andremo sicuramente in serie D e che questa inchiesta, non sappiamo come e perché fatta pervenire in questo momento delicato del campionato, ci rafforza ancora di più, in quanto conoscitori delle motivazioni del deferimento, a combattere contro tutto e tutti e domenica lo dimostreremo nella partita contro l´Atletico Campofranco".

Fonte: www.sportdelgolfo.com
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-18, 12:06

Illecito Audace-Ribera 3 : Per il Monreale la cosa è stata segnalata secondo regolamento

Sabato 17 Marzo 2012 15:05

Ecco cosa scritto dalla società monrealese

L'Audace Città di Monreale in tutta risposta a quanto scritto anche dal nostro portale, che ripetiamo ha appreso la notizia da altri portali ed ha freddamente sviluppato l'eventuali ipotesi come da regolamento, nel proprio spazio facebook ufficiale ha scritto le seguenti parole: "TITOLO I CODICE DI GIUSTIZIA SPORTIVA ART. 6 COMMA 5. I soggetti di cui all’art. 1, commi 1 e 5, che comunque abbiano avuto rapporti con società o persone che abbiano posto o stiano per porre in essere taluno degli atti indicati ai commi 1 e 2 ovvero che siano venuti a conoscenza in qualunque modo che società o persone abbiano posto o stiano per porre in essere taluno di detti atti, hanno l’obbligo di informarne, senza indugio, la Procura federale della FIGC", a significare che secondo la società palermitana avendo segnalato la cosa alla Procura Federale, tramite in vice presidente Giuseppe Rosano. Attendiamo gli sviluppi.

Fonte: www.sportdelgolfo.com
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-20, 13:36

Brucculeri a CalciolandiaSicilia.it: "Dimostreremo la nostra integrita' e voleremo in D

Raggiunto telefonicamente dalla redazione di CalciolandiaSicilia.it, il vulcanico allenatore del Ribera, Toto' Brucculeri, ha rilasciato un intervista "a ruota libera", mettendo in chiaro il suo pensiero in merito ai recenti fatti di cronaca sportiva, ove vede lui ed il suo Ribera, deferiti per un "presunto" illecito sportivo.
Premesso che il deferimento faccia parte di un atto dovuto, per l'inchiesta della giustizia sportiva, sulla denuncia da parte di un giocatore del Monreale, Romeo, la stessa inchiesta della Procura Federale non è ancora conclusa anche perché ha demandato tutto alla Commissione Disciplinare della F.I.G.C. di Palermo.

Ecco le parole di Brucculeri:"Il sottoscritto, cosi come l'intera societa' del Ribera, siamo tranquilli del nostro operato e abbiamo la massima fiducia nella giustizia sportiva, che al momento di trarre le doverose conclusioni, non potra' che accertare la nostra assoluta estraneita' al reato a noi contestato. Stiamo facendo un ottimo campionato a Ribera, e ci tengo a portare in alto il nome di questa societa', portandola in D, anche per dare una grande soddisfazioni ai meravigliosi tifosi del Ribera, che ci hanno sempre incitato fin dalla prima giornata e che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno anche nei momenti piu' delicati della stagione, come adesso.

Mister, il suo nome, in queste categorie e' sinonimo di "vincente", di uno che fornisce ampie garanzie di un campionato di vertice...

Si, ho sempre dimostrato sul campo di essere un allenatore vincente e che conosce benissimo questa categoria, e non son di certo io a dirlo, ma i numeri, con tre promozioni ( questa sarebbe la 4°) la dicono lunga sul mio operato come allenatore.
Ho avuto sempre il massimo rispetto per tutte le societa' e per i loro rispettivi atleti; mai e poi mai mi sognerei di "sfruttare" la mia vasta conoscenza con tantissimi giocatori per tranne profitto, venendo meno alla sportivita' in cui io stesso credo.

Il giocatore Romeo ha parlato di questa telefonata che la tira in ballo...

In queste categorie ci si conosce tutti quanti, e anno dopo anno ci si familiarizza con i tanti voti che incontri domenica dopo domenica. Chi mi conosce sà il rapporto di amicizia, che si instaura con i ragazzi che ho l'onore di allenare ogni anno, e lo stesso Romeo e' stato un ragazzo che ho avuto con me ai tempi del Mazara.
La telefonata di cui parla Romeo, non e' stata comunque fatta da me -precisa Brucculeri- ma e' lo stesso Romeo che mi ha rintracciato telefonicamente, da un cellulare non suo, con il quale abbiamo intrattenuto un'amichevole conversazione, e dalla quale lui stesso mi ha espresso il desiderio di tornare con me. Mi son limitato a rispondergli di continuare a fare bene nella sua squadra e se non si trovava piu' a suo agio, e voleva tornare con me, ne avremmo riparlato alla riapertura delle liste. Non credo che in tutto questo ci sia stata della malizia tale da addebbitarmi parole mai espresse da me, ne' tanto meno la mia esplicita volonta' di corrompere il giocatore.

Quindi una conversazione del tutto amichevole, come tante, se poi e' lo stesso giocatore ad averla chiamata...

Quello che mi lascia perplesso e' proprio questo, cioe' non sono stato io a chiamare, ma lui stesso ha chiamato me. E' stata un unica telefonata, e quindi non diverse telefonate che avrebbero potuto far parte di un disegno "illecito", ma bensi' una sola chiamata che lo stesso Romeo fà al sottoscritto. Una normale e pacifica conversazione tra amici, nulla di rilevante.
A questo punto nulla mi vieta di pensare che ci sia stato un disegno ben preciso ai miei danni, e ai danni dello stesso Ribera.

Mister Brucculeri, effettivamente, abbiamo osservato che la telefonata "incriminata" e' stata alle prime battute del campionato, non le sembra che qualcosa non torni?

E' quello che mi chiedo anche io, perche' se avessi davvero voluto esercitare una pressione su un giocatore, perche' mi desse una mano ad "aggiustare" una partita, ai fini di un vantaggio in classifica in chiave promossione, credi che lo farei alla 6° di campionato? Lo avrei fatto nella parte finale del campionato, non in quel periodo dove ancora il campionato e' allo stato embrionale. E comunque, tutte queste considerazioni lasciano il tempo che trovano, perche' chi mi conosce sa' bene che i campionati li ho sempre vinti sul campo.

Cosa si aspetta dalla giustizia sportiva?

Mi aspetto che chi dovra' giudicare le carte dell'inchiesta faccia il suo dovere e che possa far luce su un incresciosa montatura creata solo per danneggiare me ed il Ribera, che meritatamente e' lanciato verso una strameritata, sul campo, promozione in D.
Ho piena fiducia alla giustizia sportiva e alla Commissione Disciplinare della F.I.G.C. di Palermo, perche' presto verra' accertata la mia totale estraneita' ai fatti contestati, e con me quelli del Ribera Calcio.

Un ultima battuta mister, domenica si va in trasferta, in casa di un temibile Valderice.

Andremo a giocarci la nostra partita con l'intento di portare a casa i tre punti, ma senza mancare mai di rispetto all'avversario, perche' il Valderice ha dimostrato di essere una squadra compatta e ben messa in campo da un bravo allenatore. Personalmente ho solo la voglia di poter vincere il resto di tutte le gare in programma da qui fino alla fine del campionato, e possibilmente di aumentare il distacco con la seconda in classifica, perche' nessuno possa avere dubbi su questo Ribera, che ripeto, sta sul campo dimostrando di avere tutte le carte in regola per approdare ad un sogno chiamato serie D.

Calciolandia Sicilia le dà un grosso in bocca al lupo mister...

Crepi, ed un saluto a tutti gli amici di Calciolandia Sicilia. Ciao!!!


Chiusa la telefonata/intervista con mister Brucculeri, alcune doverose, quanto personali osservazioni in riferimento a mister Brucculeri.
Ho avuto l'onore ed il piacere di conoscere Toto' Brucculeri nell'anno della promozione del Marsala in D, quando vinse un campionato grazie ad una squadra che non era di certo la piu' forte, sulla carta, ma di certo la piu' compatta, la piu' unita e decisa a vincerlo quel campionato. L'impronta del "Bruk" fu' evidente in quell'anno, i giocatori davano il 200% in campo, trasformando terzini in centrali e attaccanti in centrocampisti, facendo di neccessita' virtu'. Un campionato strameritato, soprattutto perche' combattuto fino alla penultima giornata, contro una forte Akragas, all'ora penalizzata dalle note vicende societarie.
Personalmente ho avuto modo di constatare il genere di rapporto che lo stesso Brucculeri intrattiene con i suoi giocatori; si passa da momenti in cui la professionalita' e' indiscutibilmente prima di tutto, con molta serieta' e dedizione al lavoro preposto, altre volte sfocia in goliardia, allegria e scherzi da prete, che lo stesso trainer mette in pratica....ai "danni" delle vittime di turno, i suoi stessi atleti. Un professionista in campo, un personaggio di grande carisma ma anche un grande "simpaticone" che quando opportuno non disdegna di momenti di allegria e voglia di scherzare, cosi come tutti i suoi atleti ben sanno di lui.
Si potranno avere perplessita' circa le sue idee tecno-tattiche, ma una cosa e' certa, Brucculeri ha sempre dimostrato sul campo di saperci fare, e i tanti campionati vinti ne sono la dimostrazione che di queste categorie ne' e' il padrone indiscusso.
Ho avuto anche la possibilita' di ascoltare tantissimi giocatori che, una volta trasferiti in altre societa', esprimono la loro volonta' di tornare da mister Brucculeri, anche perche' si sà, con uno come "Bruk" di certo potrai fare solo un campionato da protagonista, oltre all'aspetto extra-calcistico che e' sempre stato l'ideale per ogni atleta, con un allenatore sempre disponibile e pronto al dialogo.
Ricordo perfettamente un personale episodio dove un giocatore, non ho problemi a farne il nome ma per questione di privacy non lo scrivo, che al termine di un S.G. Gemini Vs Kamarat di coppa Italia, chiamo' Brucculeri e gli disse: "il mio allenatore e' un ottimo allenatore, speriamo di fare bene questo campionato, ma sogno che prima o poi torni con lei in squadra", la risposta del Bruk fu': "Mi farebbe piacere riaverti, ma dai il massimo con la maglia che indossi e alla fine del campionato nel riparliamo, con i giusti tempi". E di queste chiamate chissà quante nè avrà ricevuto il bravo Brucculeri, chiamate di suoi ex-atleti poi desiderosi di tornare a rivivere campionati spettacolari come lo stesso Bruk fosse capace di mettere in atto, e gli amici di Ribera adesso nè sanno qualcosa.
E' fuori da ogni dubbio che il Ribera sta meritatamente dominando il campionato, e salvo imprevisti raggiungera' un traguardo storico per i tifosi e la citta', e sarebbe davvero un peccato che tutto questo fosse annientato solamente per la stupidita' di chi non crede che i campionati devono giocarsi, e vincersi, all'inteno del rettangolo di gioco, ma che probabilmente preferirebbe vincerli all'interno di una sala di tribunale. Che sia fatta luce e chiarezza su questa vicenda e come amministratore di CalciolandiaSicilia.it, insieme allo staff, vigileremo perche' non vi sia mai strumentalizzazione atta a denigrare una societa' o una tifoseria. Viva il calcio e lo sport siciliano!!!

Fonte: www.calciolandiasicilia.it
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-21, 17:35

Audace Monreale, Rosano a GS.IT: «Pagherà chi ha sbagliato!»

Riprendono le vicende sul "Caso Ribera"



La situazione non è delle migliori. Nuovi e interessanti risvolti si sono presentati nell'ultima settimana in merito a quel che abbiamo denominato "Caso Ribera", ovvero tutte le vicende accadute da quel 23 ottobre 2011 quando si giocò il match fino ad oggi, quando sono arrivati i deferimenti della procura federale. Già, deferimenti, chiamali come vuoi, ma nel concreto hanno un solo significato, cioè che qualcosa di negativo è stato riscontrato e che si suggerisce a chi di dovere di prendere le opportune direttive. Quest'ultime fanno paura a tutte le parti coinvolte, tutte sono state citate e la maggior parte pagherà, in maniera rilevante o meno, con squalifiche, ammende e forse penalizzazioni. Già, un momento difficile caratterizzato dai due fuochi principali che in una lotta astratta fuori dalle sedi opportune si lanciano freccie, piccole verità che svelano alcuni retroscena spiacevoli del campionato d'Eccellenza, girone A. Qualcuno vorrebbe chiudere gli occhi e simulare i mesi che verranno, gli altri, la maggior parte, tenterà di far chiarezza cercando giustizia o traendo un vantaggio reale da questa situazione, magari un posto nella prossima Serie D. "Attesa", questa è la parola che fa da cornice a tutta la vicenda, già perchè si attendono le sentenze, ma non prima di aver risentino tutte le parti. Quel che è certo è che c'è una macchia nella nostra tovaglia, speriamo solo che si possa lavare senza troppi sforzi o sacrifici.

La prima freccia viene scoccata dall'Audace Monreale e in particolare da Giuseppe Rosano, presidente della stessa. Persona pacata e tecnica che, in esclusiva, ai microfoni di Golsicilia.it ha fatto il punto della situazione, chiarendo quel che è la posizione dell'Audace Monreale.

Presidente Rosano, ci parli di tutta questa situazione che si è creata nelle ultime settimane.

«Io sono una persona che parla poco, ma che legge moltissimo. In questi giorni ho avuto modo di leggere tanto su quanto successo in quella partita del 23 ottobre 2011. Ora, sono arrivate queste carte che contengono dei deferimenti ufficiali, ognuno devo occuparsi della parte di cui è competente, io dal mio punto di vista posso dire che la chiusura delle indagini e il conseguente deferimento stesso rappresenti una sentenza, anche se la Commissione Disciplinare dovrà convocare le parti e quest'ultime verranno nuovamente ascoltate. Tutto ciò significa che la Procura ha chiuso le indagini ed ha dato l'input alla commissione disciplinare per avviare ulteriori accertamenti. Io non posso divulgare il contenuto di tali documenti, sarebbe un reato, ma posso dirle che per quanto riguarda l'Audace Monreale ci sarebbe una responsabilità oggettiva, in quanto il giocatore che ha comunicato l'accaduto era un tesserato della medesima società. Le telefonate tra il mister riberese ed il nostro tesserato sono iniziate in estate e la procura crede che ci sia una responsabilità del ragazzo, che avrebbe potuto parlare prima. Noi, come società, abbiamo comunicato immediatamente l'accaduto, era il 24 ottobre 2011, ci siamo attenuti al Codice di Giustizia Sportiva che obbliga un intervento del genere senza alcun indugio. Noi siamo difesi dal nostro avvocato, esperto in diritto sportivo, che si occuperà di dimostrare la nostra fedeltà al Codice. Poi se è vero quanto c'è scritto in queste carte ufficiali, mi sento di dire che non si tratta di una bolla di sapone e che non brucia il sedere a nessuno, se non alle parti coinvolte in questione, in particolare al mister del Ribera, Brucculeri».

La posizione dell'Audace Monreale è abbastanza chiara, ma secondo lei, Salvatore Romeo cosa rischia?

«Rischia una squalifica, non ricordo esattamente, ma credo che il Codice di Giustizia Sportiva preveda un minimo di sei giornate di squalifica. Chiaramente bisogna tener conto delle attenuanti e come la disciplinare interpreterà questa situazione. Da quello che io leggo, l'elemento che rischia di più è il mister Brucculeri, poi ci sono le società, ma io credo che sia una responsabilità minima. Del resto come facevano a sapere, il Ribera ed il Monreale, che Brucculeri e Romeo si parlavano. Non potevamo seguirli a casa e controllare i loro tabulati telefonici. Io mi auguro che il Ribera non subisca eccessive ripercussioni, perchè credo che il suo campionato sia legittimo. D'altronde era la settima giornata del campionato d'andata e se il Ribera è in testa non è per le chiamate fatte a Romeo, merita realmente la sua attuale posizione. Noi come società avevamo un obbligo e l'abbiamo rispettato, chi ha sbagliato deve pagare».

Da premettere che nessuno ha intenzione di crocifiggere nessuno. Lei crede che Romeo abbia il "carbone bagnato", insomma poteva dirlo prima?

«L'ultima telefonata è dell'ottobre 2011. Il ragazzo è stato disturbato da agosto, quindi io credo che questo ragazzo, per quel poco che ho avuto modo di conoscere, sia un ragazzo serio. È ovvio che l'Audace Monreale non si può fermare all'aspetto tecnico e che quindi questo fatto ha inclinato i rapporti professionali e di fiducia. Infatti, allo stesso è stata concessa la lista di trasferimento a gennaio, con la consapevolezza che avrebbe trovato al più presto un'altra squadra, essendo un classe '89. La denuncia parte da un'altra denuncia, cioè quella del ragazzo alla nostra dirigenza. Probabilmente verrà squalificato, spero di no. Comunque è stato ufficializzato dalla procura come il signor Brucculeri abbia avuto dei contatti telefonici con il ragazzo».

Quindi si parla di un illecito consumato.

«Le carte sembrerebbo comfermare questa tesi. Insomma, per chi legge questo deferimento emesso dalla procura federale e sa leggere l'Italiano, può comprendere tutti i punti chiave».

Lei come vede la posizione di mister Brucculeri, che sembrerebbe difendersi pubblicamente attraverso le ultime interviste? Sopratutto è d'accordo con l'affermazione dello stesso che vedrebbe il Ribera come "il gallo che fa le uova buone", capace quindi di dar fastidio a qualcuno?

«Io ancora non ho capito cosa intende dire il mister riberese, forse è meglio che lo chieda a lui stesso. Ho avuto modo di leggere le ultime interviste ed ancora ho difficoltà a comprenderlo. Cosa vuol dire che ci sia un movimento che miri a sfavorire il Ribera? Non vedo un nesso logico, come si può legare un discorso del genere ad una partita giocata ad ottobre del 2011, valevole per la settima di campionato. Il Monreale ha solo denunciato dei fatti gravi, non si poteva fare in maniera differente. Il Codice parla chiaro. Non si può passare sopra un "presunto" illecito sportivo, dico presunto tra virgolette, perchè è stato accertata l'esistenza di queste chiamate. Tra l'altro lo stesso viene comfermato dal dg Ruvolo, che mezz'ora dopo il match chiama il mio mister (Paolo Scalia. ndr) dicendogli: "Fai sapere al tuo presidente - in quel caso utilizzò una frase poco urbana - che fu Romeo a chiamare Brucculeri e non al contrario". Questo perchè? La reazione di Ruvolo avviene a causa di un mio incontro avuto precedentemente con lo stesso all'interno della mia segreteria, al termine del match in cui consigliai al dg riberese di non fare più usare i telefonini al suo mister. Lui fece una smorfia e non ribattè, per poi andarsene, girandomi le spalle. Il signor Ruvolo agì in questo modo, senza fermarsi e magari dirmi: "Presidente Rosano, ma che mi sta comunicando?". Tra l'altro, questi signori (il dg Ruvolo ed il mister Brucculeri, ndr) si contraddicono anche all'interno delle carte ufficiali dove affermano una responsabilità diversa del giocatore in merito alle telefonate con l'allenatore. Ripeto, io, come appassionato di calcio, mi auguro che il Ribera non paghi eccessivamente per colpe non sue, ma che paghi chi ha una reale responsabilità in questione. Improbabile pensare che il Ribera abbia dato vita ad un illecito perpetuo, bisogna isolare il caso alla partita del 23 ottobre 2011».

C'è molta gente che spera il contrario di quello che sta affermando, cioè che avvenga una mutazione rilevante della classifica attraverso una penalizzazione del Ribera. Lei come la vede?

«È una situazione delicata. Io non so cosa potrà accadere, ma mi auguro che il Ribera calcio vada in serie D. Noi non abbiamo attaccato la società Ribera, contro la città o contro venti ragazzi, bensì contro un fatto che non deve accadere, che sembrerebbe sia accaduto, uso il condizionale, però...».

Fonte: www.golsicilia.it
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-22, 11:41

Ribera, Ruvolo a GS.IT: «È vero, chiamammo Romeo ma...»

Botta e risposta sul "Caso Ribera"




Botta e risposta, come è giusto che sia. Intervistato il presidente dell'Audace Monreale, ora, è il turno del dg del Ribera, Ezio Ruvolo. Da una società che vuole fare giustizia ad un'altra ferita nell'orgoglio, ferita dalle continue voci, ma serena dal punto di vista giuridico. Pressione dell'ambiente sì, ma tranquillità legata alla loro interpretazione delle carte della Procura Federale. Il Ribera sostiene che non ci sono fatti rilevanti in mano per essere puniti, il presidente Rosano sostiene il contrario, ma il lettore a chi dovrebbe credere? Probabilmente andrebbe a simpatia, qualità che, secondo il dg Ruvolo, non viene associata al Ribera. Un Ribera vincente, ma che non fa sorridere a molti. Questa è la linea guida del pensiero della società capolista nel campionato d'Eccellenza, girone A. Allora come poter tirare le somme? Non si può o almeno non spetta a noi giornalisti o a voi lettori, bensì spetta alla commissione disciplinare che si esprimerà al più presto in merito.

Nel frattempo, Golsicilia.it, vi propone un'altra esclusiva ad un giorno dall'intervento ai nostri microfoni del presidente del Monreale, Giuseppe Rosano. La nostra redazione ha intervistato, Ezio Ruvolo, uomo chiave all'interno della società Riberese.

Signor Ruvolo, è ora che anche il Ribera chiarisca la sua posizione in merito a queste voci.

«Probabilmente siamo antipatici a tutti, sarà il fatto che siamo primi in classifica, non saprei. Del resto l'Akragas aveva già vinto il campionato a luglio, l'Alcamo un mese dopo e poi ci siamo infilati noi. Insomma, calcisticamente parlando, che senso avrebbe contattare un giocatore alla settima di campionato? Anzi, le dico che mi ha chiamato la Valderice per chiedermi di poter giocare di sabato, ora vado dai carabinieri e li denuncio per illecito (ride, ndr). Noi è vero che contattammo Romeo, ma fu giorni prima del match e non era per invogliarlo a non giocare. Mi spiego: noi eravamo in difficoltà con un "transfer" che non arrivava riguardo un argentino che stavamo seguendo, dovendo riparare a questo problema contattammo Romeo per sondare il terreno, in quanto avevamo sentito che il giocatore non si trovava bene a Monreale».

Quindi, il giocatore fu realmente contattato ma non per i fatti di cui voi siete accusati.

«Ma quali fatti? Sono invenzioni, la gente non sa di quello che parla. Noi non possiamo intervenire perchè ci sono i nostri avvocati. Siamo molto sereni, ma mi fa rabbia vedere il tipico atteggiamento della volpe che, non riuscendo a raggiungere l'uva, dice che è marcia. Si parla di deferimento, ma io ho cercato di spiegare più volte a questi "piccoletti" avvocati che non sanno fare il loro mestiere che il deferimento non è una sentenza, non è una condanna. Sono delle direttive destinate alla commissione, che avrà il ruolo di interrogare nuovamente le parti. Ma vi assicuro che per quello che c'è all'interno delle carte, è una gran fesseria».

Nel frattempo le voci sul Ribera aumentano...

«Tutti scrivono, tutti parlano. Per non parlare dei giornalisti, anzi "giornalai" che hanno intenzione di far passare il messaggio che il Ribera abbia fatto chissà che cosa. La realtà è che il Ribera ha ucciso un campionato».

Lei parla di carte, atti ufficiali della Procura, gli stessi di cui parla il presidente Rosano, però quest'ultimo dà una diversa interpretazione. Ora, io mi chiedo: non è che il contenuto di questi atti muta al variare dell'interpretazione di chi li legge?

«Hanno detto la "fandonia" del secolo e le dirò di più: quando è partita la denuncia del Monreale e le carte sono passate alla Procura Federale, anche il Monreale è stato scritto come responsabile oggettivamente in merito, perchè non si fa così. Questo cosa le fa pensare? Insomma non mi faccia parlare, io voglio solo dire che attendiamo la sentenza e tutti vedranno che siamo puliti, del resto quando non c'è niente in mano, c'è poco da fare».

Il Presidente Rosano ha chiarito che la denuncia è contro un fatto che sembrerebbe sia accaduto. Non ha denunciato i venti ragazzi del Ribera, non ha denunciato la società e si augura che il Ribera non paghi eccessivamente. Piuttosto, si augura che i responsabili reali paghino.

«Non mi dica queste cose. Che si sta tentando di infangare un personaggio puro come il mio mister. Un grande lavoratore del calcio, un allenatore di un'altra categoria. Vogliono infangarlo perchè essendo un vincente, sta antipatico a molti».

Lei che è parte attiva della società e che ha un dialogo perpetuo con mister Brucculeri: come sta vivendo la situazione il mister del Ribera?

«Io le dico solo questo: la denuncia parte dal mese di ottobre, il Ribera a gennaio si permette di fare degli acquisti importanti e fondamentali per il nostro campionato, come Gerardi, ex capitano del Livorno. Secondo lei, io e la mia società sapendo di aver commesso qualcosa di negativo, eravamo dei cretini nell'acquistare certi giocatori e nel spendere cifre importanti? Saremmo dei pazzi. Brucculeri è una persona forte all'apparenza, ma sensibile dentro. In questo momento non riesce a gioire perchè lo vogliono infangare e questo non lo fa dormire la notte. Insomma, una persona che entra alle due in campo, che fa lavorare i ragazzi e che se ne va per ultimo quando il sole è già calato da molto non merita questo trattamento. Fare il nome di un vincente in questi termini non è bello. Anche a me, non è giusto, mi è stato buttato fango di sopra. Io aspetto subito la sentenza, non ce la facciamo più di sentire le chiacchere di persone incompetenti, che non conoscono le pratiche. Io quando esco per strada, la gente mi chiede continuamente di questa faccenda e io sono stanco di parlare di argomenti che non riguardano il calcio, che non hanno niente a che vedere con il Ribera Calcio, che non hanno niente a che vedere con un mister che ha vinto gli ultimi cinque campionati. Ma di che cosa stiamo parlando?...».

Al termine di tutta la faccenda che secondo lei si concluderà con un risultato a vostro favore, l'atmosfera che si sarà creata sarà decisiva per un divorzio tra Brucculeri e la società?

«Cosa devo dire? Per me il campionato è stravinto e Brucculeri è comfermatissimo, tenteremo di trattenerlo fino all'ultimo, ma come sappiamo lui è un mister che cambia squadra sempre dopo un anno. Altro che il Licata dell'anno scorso, noi abbiamo fatto piazza pulita. La nostra squadra ha fatto dei miracoli, io personalmente come dirigente o come disoccupato, insieme al mio mister abbiamo fatto un lavoro egregio e non ci meritiamo tutto questo, Io spero che Totò Brucculeri rimanga con noi, perchè è il più forte tra i mister di questa categoria e oltre. Mi ricorda Zeman...».

Fonte: www.golsicilia.it
Tornare in alto Andare in basso
Sergio_C.N. 22 S.C.
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 1729
Età : 32
Località : SAN CATALDO - SENZA provincia
Data d'iscrizione : 28.01.11

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-23, 16:02

CASO ribera: TEMPI BREVI



Tempi "brevissimi" per conoscere l'esito del caso "ribera". La Cdt di palermo, infatti, ha già fissato la data della prima udienza. L'appuntamento è in programma il 3 aprile alle 15,30 davanti la Commissione Disciplinare Territoriale. Chiamati a comparire tutte le parti deferite. Nei cinque giorni precedenti potrà essere presa visione degli atti, avere le copie, presentare memorie e istanze. Al giudizio sono chiamati l’allenatore del ribera Totò Brucculeri, l’ex giocatore dell’audace monreale, Salvatore Romeo (ora gemini), il ribera calcio e l’audace monreale. Le società sono state deferite per il principio della responsabilità oggettiva. A firmare il provvedimento è stato il procuratore federale vicario, Alfredo Mensitieri, che ha demandato tutto alla Commissione Disciplinare per far luce sui fatti precedenti la gara monreale-ribera del 23 ottobre.

Fonte: http://www.sancataldesecalcio.it/
Tornare in alto Andare in basso
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 38
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-23, 17:04

Ribera: lettera di smentita di Ezio Ruvolo



Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

Il D.g. della Società calcistica “Asdp Ribera 1954” Ezio Ruvolo, riguardo all’intervista apparsa sul vs. portale internet “Golsicilia.it” ieri 22 marzo 2012 a titolo “Ecco come sono andate le cose”, smentisce il significato delle proprie dichiarazioni come riportate nella detta intervista.

Non potendo entrare nel merito della questione, posto che da oggi la propria società ha deciso di non commentare più alcuna notizia relativa alla vicenda del presunto illecito che la riguarda (come da comunicato stampa che in data odierna è stato dato agli organi di stampa), il sottoscritto si limita a precisare che il contenuto delle proprie dichiarazioni è risultato di significato parzialmente diverso rispetto a quanto lo stesso intendeva effettivamente esprimere: ciò, si sottolinea, non per errori da parte Vostra nel riportare il contenuto dell’intervista telefonica, ma evidentemente per piccoli fraintendimenti o malintesi che possono purtroppo capitare nel corso di una conversazione a distanza.

Nel ribadire il proprio apprezzamento (e quello della propria Società) per la professionalità e la correttezza che da sempre contraddistingue la Vostra testata giornalistica, certo che darete il giusto risalto sia alla presente smentita che al comunicato stampa della Società, si porgono distinti saluti.

Ribera, 23/03/2012

Il Dg della Società “Asdp Ribera 1954”

Ezio Ruvolo

Fonte: www.golsicilia.it
Tornare in alto Andare in basso
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 38
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-24, 12:21

MONREALE RIBERA SI VA VERSO IL FACCIA A FACCIA,I CRISPINI ANNUNCIANO IL SILENZIO STAMPA



Monreale-Ribera si va verso il faccia a faccia, i crispini annunciano il silenzio stampa

Le parti dovranno comparire di fronte l'organo giudicante nella sede del Comitato Regionale Siciliano. Al giudizio della Commissione Disciplinare, dovranno sottostare l'allenatore Salvatore Brucculeri, l'ex giocatore Romeo


Continua il tam-tam tra Monreale e Ribera. Il famigerato "caso Ribera" non accenna scrivere titoli di coda. Infatti, è stata fissata per giorno 3 aprile, alle 15.30, l'udienza davanti alla Commissione disciplinare territoriale.
Per quella data le parti dovranno comparire di fronte l'organo giudicante nella sede del Comitato regionale siciliano. Al giudizio della Commissione disciplinare, dovranno sottostare l'allenatore del Ribera Salvatore Brucculeri, l'ex giocatore dell'Audace Monreale, Salvatore Romeo (oggi tesserato del Gemini), ma anche il Ribera calcio e l'Audace Monreale. Le società sono destinatarie del deferimento per il principio della responsabilità oggettiva.
A firmare il provvedimento è stato il procuratore federale vicario, Alfredo Mensitieri, che ha demandato tutto alla Commissione Disciplinare per far luce sui fatti precedenti la gara Monreale-Ribera del 23 ottobre scorso.
La società crispina aspetterà il 3 aprile in silenzio. Infatti, secondo quanto riferito dalla dirigenza di casa Ribera, "nessun proprio tesserato renderà più alcuna dichiarazione sulla vicenda, a qualsiasi titolo ed a chicchessia: ciò a tutela dell'immagine della società e nel rispetto delle prerogative degli organi federali preposti ai necessari accertamenti. Si precisa infine che, in virtù delle superiori determinazioni, la società ha espressamente conferito mandato ai propri legali, già incaricati della difesa nel procedimento in corso, di agire a tutela e difesa dei propri interessi, nelle sedi giudiziarie ritenute opportune, nei confronti di chiunque renda dichiarazioni lesive o diffamatorie nei confronti del buon nome e dell'immagine della detta società o suoi tesserati".


Fonte: http://www.agrigentonotizie.it
Tornare in alto Andare in basso
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 38
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-24, 12:36

Presunta combine: il Ribera è nei guai, ma la società è fiduciosa



Il Ribera si dice fiducioso nella giustizia sportiva e smonta le accuse di presunta combine con l’attaccante Romeo, all’epoca dei fatti in forza all’Audace Monreale e adesso al Gemini. La Commissione Disciplinare ha chiamato in causa il tecnico riberese Brucculeri che avrebbe tentato di corrompere l’attaccante Romeo. Quest’ultimo avrebbe raccontato ogni cosa alla sua dirigenza che a sua volta ha informato gli organi di giustizia sportivi. L’indagine sembrava, a un certo punto, essere stata archiviata, ma non è stato così. Tra l’altro il Ribera rischia seriamente perché per i giudici dovrà rispondere di responsabilità oggettiva. In poche parole, il Ribera rischia nell’ipotesi migliore una maxi penalizzazione oppure perfino la retrocessione. Spetterà adesso ai legali del club crispino cercare di sbrogliare la matassa. La situazione è molto seria anche se la dirigenza riberese ha cercato stamani, nel corso di una conferenza stampa, di ridimensionare l’accaduto. Difficile che una società, in casi come questa, la possa fare franca. I tifosi crispini si augurano il lieto fine, ma la preoccupazione è forte.

Fonte: http://www.agrigentoflash.it
Tornare in alto Andare in basso
22Alan78
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 352
Età : 38
Località : SAN CATALDO
Data d'iscrizione : 08.08.08

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-24, 12:41

Ribera Calcio, il 3 aprile davanti la Commissione Disciplinare Territoriale di Palermo



Secondo le tante indiscrezioni che circolano nell’ambiente calcistico regionale, il prossimo 3 aprile alle ore 15,30, si dovranno presentare, davanti alla Commissione Disciplinare Territoriale, le parti deferite dal provvedimento e cioè: Ribera calcio, Audace Monreale calcio, il tecnico Salvatore Brucculeri ed il calciatore del Monreale Salvatore Romeo (trasferitosi in dicembre a S.Giovanni Gemini).
A partire da venerdì 30 marzo, invece, (cinque giorni prima), si potrà prendere visione degli atti, ricevere e consultare le copie di memorie e istanze.

A firmare il provvedimento è stato il procuratore federale vicario, Alfredo Mensitieri, che ha demandato tutto alla Commissione Disciplinare per far luce sui fatti precedenti la gara Monreale-Ribera del 23 ottobre.
A quanto, in tempi decisamente brevi, si conosceranno le conseguenze del caso, scoppiato la scorsa settimana con l’emanazione dei deferimenti delle parti in causa.

SARA' SERIE D?

Fonte: http://agrigentoweb.it
Tornare in alto Andare in basso
Sergio_C.N. 22 S.C.
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 1729
Età : 32
Località : SAN CATALDO - SENZA provincia
Data d'iscrizione : 28.01.11

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-03-27, 01:39

COMUNICATO STAMPA societa´ a.s.d.p.ribera1954
23-03-2012 18:10 - CAMPIONATO ECCELLENZA 2011/2012



COMUNICATO STAMPA

La società "asdp ribera 1954" è costretta a prendere atto che, a fronte degli entusiasmanti risultati sportivi fino ad oggi conseguiti nella stagione calcistica in corso, l´attenzione dei mass media si sta incentrando sempre più verso le vicende legate all´episodio del presunto illecito che la vede suo malgrado coinvolta.
Si registrano ormai quotidianamente in trasmissioni televisive, giornali, siti internet, voci infondate, giudizi sommari, valutazioni espresse senza la minima conoscenza dei fatti, travisazioni delle dichiarazioni rese dai propri tesserati e dirigenti sulla vicenda.
Tale situazione non giova al mantenimento del necessario clima di serenità, rischia di provocare enormi danni all´immagine della società, e mortifica gli sforzi della dirigenza, l´impegno dei giocatori, la passione e l´orgoglio con cui l´intera città si è stretta intorno alla propria squadra.
La "asdp ribera 1954" ribadisce di essersi sempre comportata nel totale rispetto dei principi di correttezza e lealtà sportiva, ha la massima fiducia nei confronti degli organi preposti all´accertamento dei fatti, e pertanto attende con serenità il loro giudizio sulle contestazioni mosse, non avendo nulla da temere ed essendo la prima interessata affinché sia fatta definitivamente chiarezza su quanto effettivamente accaduto.
Ciò premesso, la "asdp ribera 1954"è giunta alla determinazione che, da adesso sino alla conclusione del procedimento disciplinare in oggetto, nessun proprio tesserato renderà più alcuna dichiarazione sulla vicenda, a qualsiasi titolo ed a chicchessia: ciò a tutela dell´immagine della società e nel rispetto delle prerogative degli organi federali preposti ai necessari accertamenti.
Si precisa infine che, in virtù delle superiori determinazioni, la società "asdp ribera 1954" ha espressamente conferito mandato ai propri legali, già incaricati della difesa nel procedimento in corso, di agire a tutela e difesa dei propri interessi, nelle sedi giudiziarie ritenute opportune, nei confronti di chiunque renda dichiarazioni lesive o diffamatorie nei confronti del buon nome e dell´immagine della detta società o suoi
tesserati.

Ribera, lì 23/3/2012
La dirigenza della "asdp ribera 1954"

Fonte: http://www.ribera1954.it
Tornare in alto Andare in basso
Totò22
MODERATOR
MODERATOR
avatar

Numero di messaggi : 4259
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 29.12.07

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-04-03, 13:28

Caso Ribera: Calciolandia Sicilia vi da le prime indiscrezioni...

Si riunisce questo pomeriggio la commissione che decidera' le sorti della vicenda Monreale/Ribera, dalla quale dipendera' l'esito di un campionato avvincente, come e' stato quello del girone A dell'eccellenza siciliana.
Il campo ha emesso il suo verdetto, decretando il Ribera vincitore del torneo, lasciandosi alle spalle squadre costruite, in estate, per vincere il campionato, come Alcamo e Akragas.
Tale verdetto teme di essere stravolto da quel che emergera' dalla riunione odierna, e le prime indiscrezioni raccolte da Calciolandia Sicilia non sono beneauguranti per la societa' riberese, infatti, parte della commissione giudicante potrebbe essere propensa per una pena "afflittiva", ossia mirata a penalizzare il Ribera di tanti punti quanto basti per essere riportato alle spalle della societa' che lo segue in classifica, e quindi l'Alcamo. Ovviamente quest'ipotesi lascerebbe via libera alla societa' del senatore Papaniia di proseguire la strada verso la promozione in D, lasciando al Ribera la disputa dei play-off.
Tale esito, che resta nel campo delle ipotesi, darebbe vita ad un ricorso da parte della societa' del Ribera, nella persona dell'avvocato Grassani, grande esperto di giustizia sportiva, presso la Commissione Disciplinare di Roma, allungandone di molto i tempi della sentenza definitiva. In tal caso il campionato, per quel che concerne la prima posizione, sara' sub-judice fino alla prossima estate. Tuttavia e' possibile che, nella seconda ipotesi, venga data una penalizzazione da scontare, per il Ribera, in parte in questo campionato in corso, e tale da non compromettere la promozione, e l'altra da scontare nel prossimo campionato di serie D
Vista la complessa vicenda, e' da escludere che in data idierna ci sia un esito da parte della commissione giudicante, la quale si protrarra' anche nelle ore serali.
Non si esclude che alla fine ci possa essere un definitivo proscioglimento delle parti, con un minimo di pena tsle da non pregiudicarne il campionato in corso, anche se tale ipotesi e' da considerarsi minima.
Calciolandia Sicilia restera' aggiornata sulla vicenda e Vi dara' maggiori informazioni appena ci saranno novita' in merito.

fonte: www.calciolandiasicilia.it
Tornare in alto Andare in basso
Sergio_C.N. 22 S.C.
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 1729
Età : 32
Località : SAN CATALDO - SENZA provincia
Data d'iscrizione : 28.01.11

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-04-04, 13:18

OGGI FORSE LA SENTENZA DELLA COMMISSIONE DISCIPLINARE
03-04-2012 08:20 - CAMPIONATO ECCELLENZA 2011/2012



Calcio ribera Oggi la sentenza della commissione disciplinare

ribera e.m.). Giornata decisiva oggi per la società di calcio dell´asdp ribera 1954 che dovrà comparire con i suoi dirigenti e con l´allenatore Salvatore Brucculeri davanti alla commissione disciplinare regionale della Figc, a palermo, alle ore 15,30, dove la corte giudicante, in primo grado, dovrà ascoltare il tecnico Brucculeri, il giocatore Salvatore Romeo e i presidenti di ribera e di audace monreale, in merito al presunto illecito circa la partita tra le due squadre giocata il 23 novembre del 2011. Oggi il ribera gioca la "partita" più difficile del campionato di Eccellenza, che sta vincendo nettamente sul terreno di gioco, in quanto sulla testa di allenatore e società pende la spada di Damocle del rinvio a giudizio della commissione disciplinare che è presieduta dall´avvocato trapanese Ludovico La Grutta e composta dai palermitani Felice Blanco, e Sandro Geraci, con pubblico ministero, in rappresentanza della Procura Federale, Giulia Saitta di capo d´orlando.
I fatti si riferiscono alla settima giornata del girone di andata dell´Eccellenza, alla gara monreale-ribera, per la quale, secondo la denuncia, mister Brucculeri avrebbe telefonato qualche giorno prima al giocatore Romeo per addomesticare la partita. E´ scattata l´inchiesta federale che potrebbe concludersi oggi, salvo eventuali ricorsi davanti alla commissione disciplinare della Figc di roma. A palermo dovranno essere sentiti in quattro: Brucculeri, Romeo e i dirigenti responsabili delle due società calcistiche, Ezio Ruvolo e Giuseppe Rosano, assistiti dai rispettivi legali.
L´esito e le decisioni della commissione potrebbero essere note nel pomeriggio di oggi, al più tardi, nella giornata di domani. Tutti a ribera, dai dirigenti ai tifosi, dagli sportivi all´intera città, sono con il cuore in gola in quanto al momento è difficile potere ipotizzare quello che potrà succedere alle parti in conflitto. Nella città delle arance, nessuno apre bocca perché già da oltre una settimana la società biancazzurra ha reso noto, con un comunicato, di osservare il silenzio stampa su tutto, dalle gare di calcio del campionato sino alla vicenda del deferimento sportivo. Solo i tifosi parlano e annunciano l´innocenza di tecnico e società.
In città, non si fanno ipotesi su quanto potrà succedere alla società e alla squadra, che il 15 di aprile potrebbe festeggiare la matematica promozione storica in serie D. Un paradosso che molti sportivi biancazzurri hanno fatto notare è la disparità oggi esistente tra la giustizia ordinaria e quella sportiva. In quella ordinaria chi accusa deve portare le prove a suffragio della propria denuncia. In quella sportiva, invece, è l´accusato, in questo caso il tecnico Brucculeri e la società riberese, a dovere presentare prove a discolpa. Il paradosso della giustizia italiana.

ENZO MINIO

Fonte: http://www.ribera1954.it
Tornare in alto Andare in basso
Sergio_C.N. 22 S.C.
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 1729
Età : 32
Località : SAN CATALDO - SENZA provincia
Data d'iscrizione : 28.01.11

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-04-05, 15:08

PARLANO I TIFOSI
05-04-2012 08:02 - CAMPIONATO ECCELLENZA 2011/2012



Calcio ribera: Parlano i tifosi

ribera e.m.). Ai dirigenti della società che hanno deciso di fare scena muta sino alla conclusione della vicenda di deferimento per presunto illecito, si contrappongono i tifosi biancazzurri che sono convinti, per affetto sportivo, della innocenza della squadra e del suo tecnico. Giuseppe Messina, che non manca una partita del ribera, è categorico: "Che interesse aveva l´allenatore Brucculeri a "corrompere" un calciatore proprio all´inizio del campionato nell´ottobre scorso ? Ci sarà stato un malinteso verbale perché del tecnico riberese si conoscono soltanto i meriti per avere vinto sul campo, e non al telefono, cinque campionati di fila. Avrà comprato buona parte delle oltre 150 partite ?".
Un altro assiduo sostenitore della squadra di calcio è Giuseppe Guddemi, musicista, docente che ha collaborato con Vincenzo Triolo, autore di recente dell´inno sportivo della squadra. "Tutto potrebbe essere, se la giustizia esaminerà con attenzione i fatti, una bolla di sapone - afferma Guddemi - il ribera e il suo allenatore sono certamente puliti perché non sono soliti compare partite". Sono amareggiati i tifosi Rino Noto e Giuseppe Gulisano. "Vogliano farci pagare forse - affermano i due - il fatto che siamo una società piccola e che, con pochi mezzi, dettiamo calcisticamente legge da un anno ?".

ENZO MINIO

Fonte: http://www.ribera1954.it
Tornare in alto Andare in basso
Sergio_C.N. 22 S.C.
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 1729
Età : 32
Località : SAN CATALDO - SENZA provincia
Data d'iscrizione : 28.01.11

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-04-05, 15:13

SENTENZA: GLI AVVOCATI FIDUCIOSI
05-04-2012 08:05 - CAMPIONATO ECCELLENZA 2011/2012




ribera calcio: Gli avvocati Grassani e Palmieri sono molto fiduciosi

ribera e.m.). Dalla riunione di palermo, presso la commissione regionale disciplinare della Figc, il primo ad uscire dall´aula con una certa tranquillità è stato l´avvocato dell´asdp ribera 1954, il riberese Antonio Palmieri, che ha curato tutta la procedura difensiva durante il dibattimento nel quale il procuratore federale Giulia Saitta ha chiesto la condanna della società riberese a sei punti di penalizzazione e del suo allenatore Salvatore Brucculeri a 3 anni di squalifica, con una multa pecunia per il monreale e con la squalifica a cinque mesi per il calciatore Romeo su patteggiamento.
"Sono fermamente convinto dell´innocenza sia della società che dell´allenatore - afferma l´avv. Palmieri - dall´istruttoria emerge chiaramente l´insussistenza degli addebiti della Procura. Siamo molto sereni in attesa delle decisioni finali della commissione disciplinare che pare si dovrebbe pronunciare a breve scadenza. Sono convinto che più attenzione presteranno alla vicenda e meglio potrà venire fuori la verità dei fatti. Abbiamo chiesto il proscioglimento e, nel caso in cui la commissione disciplinare ravvisasse qualche irregolarità, che per la difesa non c´è, allora potrebbe essere presa in considerazione la sanzione più leggera prevista dal codice di giustizia sportiva, ossia alla squadra del ribera non spetterebbero punti di penalizzazione".
L´avvocato riberese ribadisce che il proscioglimento dei propri assistiti viene richiesto in quanto manca l´elemento oggettivo dell´illecito che non è stato mai provato. Dello stesso avviso sembra anche l´avv. Grassani di bologna, un luminare della giustizia sportiva, che difende l´allenatore del ribera Brucculeri. L´avvocato Palmieri ha consigliato alla dirigenza della società di calcio e ai giocatori di non rilasciare alcuna dichiarazione alla stampa, per evitare eventuali fraintendimenti, sino alla pubblicazione della sentenza che potrebbe avere luogo addirittura prima della ripresa del campionato che avverrà il 15 aprile prossimo, con gli ultimi tre turni.

E. M.

Fonte: http://www.ribera1954.it
Tornare in alto Andare in basso
zioclezio
PICCIOTTO
PICCIOTTO
avatar

Numero di messaggi : 296
Età : 25
Località : San Cataldo
Data d'iscrizione : 24.02.09

MessaggioTitolo: Re: CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?   2012-04-05, 19:33

Caso-Ribera: cancellata la penalizzazione. Adesso si brinda alla serie D

Cancellata completamente dalla Commissione Disciplinare la penalizzazione al Ribera, mentre è stata notevolmente ridotta la squalifica al tecnico Salvatore Brucculeri (era stati chiesti 3 anni) riducendola ad otto mesi, mentre, sempre alla società crispina è stata comminata una multa di 4mila euro. Pene ridorre anche per l’Audace Monreale, la cui sanzione amministrativa è scesa ad appena 500 euro, mentre al calciatore Salvatore Romeo, all’epoca dei fatti in forza all’Audace Monreale, sono stati inflitti ( per accordo delle parti) cinque mesi e dieci giorni. Si chiude così una vicenda che ha tenuto in ansia per alcuni mesi i tifosi del Ribera, i quali adesso potranno finalmente festeggiare la promozione meritata in serie D, sin da domenica 15 aprile. Grande la soddisfazione dell’intero ambiente calcistico, e se permettete anche da parte della nostra redazione, che rivolge alla società crispina i complimenti di campionato vinto meritatamente, con l’augurio che presto un’altra agrigenta possa agregarsi alla categoria superiore. Pubblichiamo integralmente il Comunicato Ufficiale uscito proprio stamani:
“La Commissione Disciplinare Territoriale così riformulando il capo di imputazione a carico del Brucculeri Salvatore, che deve rispondere dell’illecito di cui all’art. 1, comma 1 C.G.S. gli infligge, ai sensi dell’art. 19 C.G.S., la sanzione della squalifica per mesi 8 (otto). Infligge, ai sensi dell’art. 4, comma 2 C.G.S. all’ASDP Ribera 1954 la sanzione dell’ammenda di € 4.000,00 (quattromila/00). Applica, su accordo delle parti, al calciatore Romeo Salvatore la sanzione della squalifica per mesi cinque e giorni dieci. Infligge ai sensi dell’art. 4, comma 2 C.G.S. alla società Audace Città di Monreale la sanzione dell’ammenda di € 500,00 (cinquecento/00).Il presente provvedimento viene comunicato alla Procura ed alle parti deferite e le sanzioni adottate saranno esecutive a decorrere dalla data di comunicazione delle stesse alle parti, in osservanza degli artt. 35 comma 4.1 e 38 comma 8 CGS”.

Fonte: www.agrigentosport.com/
Tornare in alto Andare in basso
 
CAMPIONATO DI ECCELLENZA RIAPERTO?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» campionato over 45
» CALCIOSCOMMESSE - Indagini di Bari: verdetti a fine campionato, sospiro di sollievo per Bari e Caputo
» CALENDARIO STAGIONE 2013 / 2014 ECCELLENZA PUGLIA
» fine campionato enduro toscano uisp
» Partecipiamo al campionato di Soule?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
COMMANDO NEUROPATICO :: SANCATALDESE CALCIO :: STAGIONE 2011-2012 :: NEWS ALTRE SQUADRE-
Andare verso: